"Matti", le fotografie di Mauro Vallinotto al Castello degli Orsini - E Tu Slegalo Subito
1959
post-template-default,single,single-post,postid-1959,single-format-standard,cookies-not-set,do-etfw,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

“Matti”, le fotografie di Mauro Vallinotto al Castello degli Orsini

Torinotoday, 10 aprile 2018

Dal 12 aprile al 10 maggio il Castello degli Orsini di Rivalta ospita la mostra “Matti”, dall’emarginazione all’integrazione a 40 anni dalla Legge Basaglia del fotografo torinese Mauro Vallinotto. Gli scatti – 84 fotografie – ripercorrono un momento particolarmente significativo dell’esperienza professionale di Vallinotto, che a fine Anni Sessanta con la sua macchina fotografica documentò le condizioni di vita degli internati nei manicomi di Villa Azzurra a Grugliasco, di via Giulio a Torino e della Certosa di Collegno. Erano, quelli, anni in cui gli ospedali psichiatrici conoscevano le prime aperture, grazie soprattutto all’esempio di Franco Basaglia. Contestando i fondamenti della scienza psichiatrica eliminò, nel manicomio di Gorizia da lui diretto, ogni forma di contenimento fisico dei degenti e aprì i cancelli dell’ospedale, favorendo la nascita della prima vera comunità terapeutica.

Ben diversa la situazione torinese, dove nonostante le denunce di soprusi e violenze le porte dei tre ospedali psichiatrici della città rimanevano chiuse. Per documentare la realtà che si celava dietro quelle porte Mauro Vallinotto nel 1968 fotografò di nascosto i reparti di Collegno e di via Giulio. Due anni dopo, aiutato da alcune assistenti sociali, fece lo stesso anche a Villa Azzurra. Proprio la pubblicazione su L’Espresso delle fotografie di alcuni bambini legati ai loro letti portò a un intervento della magistratura.

Accanto alle foto storiche, la mostra allestita al Castello degli Orsini propone infatti anche le immagini che Vallinotto ha voluto scattare a distanza di diversi anni, per documentare le nuove realtà terapeutiche introdotte dalla Legge Basaglia. Si tratta di pazienti accolti e seguiti nelle comunità e di tutti coloro i quali hanno trovato un posto nella società, non più esclusi ma integrati -anche professionalmente- nella vita quotidiana di tutti noi. La mostra verrà inaugurata giovedì 12 aprile alle ore 18. Giovedì 19 aprile alle ore 20,30 si terrà un dibattito su psichiatria e informazione. Ne parleranno, tra gli altri, gli psichiatri Annibale Crosignani e Giorgio Gallino e gli scrittori Alessandro Perissinotto e Simona Vinci.