Incontro tra Anci Nazionale e il comitato ...E tu slegalo subito - E Tu Slegalo Subito
1361
post-template-default,single,single-post,postid-1361,single-format-standard,cookies-not-set,do-etfw,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Incontro tra Anci Nazionale e il comitato …E tu slegalo subito

Roma, 18 gennaio 2017

Oggi una delegazione della campagna per l’abolizione della contenzione meccanica in psichiatria, ma anche nelle RSA e nelle residenze per disabili, ha incontrato a Roma, nella sede del centro studi dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), il responsabile del welfare, dr. Luca Pacini, e la dr.ssa Chiara Minicucci.  La delegazione del comitato “e tu slegalo subito” era formata da Vito D’Anza, portavoce nazionale del Forum Salute Mentale, da Valentina Calderone, presidente dell’Associazione “A Buon Diritto” e da Fabrizio Starace anche in veste di presidente della Società Italiana di Epidemiologia Psichiatrica.

Si è parlato della campagna contro le contenzioni ma anche di TSO. Si è chiesto all’ANCI di rendersi protagonisti per questa campagna. Si è evidenziato come in Italia non esistono dati certi sui casi di contenzione meccanica nei SPDC: il ministero non è dotato di un sistema di monitoraggio del fenomeno, né tantomeno ne sono dotate le regioni.

Si è sottolineato che il Comitato nazionale di Bioetica nella sua relazione al parlamento ha segnalato che al di la dei casi drammaticamente eclatanti che sono arrivati alla cronaca ( Franco Mastrogiovanni e Giuseppe Casu) la vastità del fenomeno è di una portata tale che bisogna necessariamente intervenire. La stessa campagna nelle decine di iniziative ed incontri con professionisti, familiari, utenti, parlamentari, ha avuto conferma della vastità del fenomeno.

Si è parlato anche di TSO e della necessita di avere dei dati attendibili, visto che quelli forniti dal ministero tramite rilevazione dalle schede di dimissione ospedaliera (SDO) non lo sono per niente semplicemente perché la scheda SDO non li rileva se non in qualche caso isolato.
L’ANCI si è dimostrato molto sensibile e disponibile ad attivarsi su entrambi i versanti: contenzioni e TSO dove in quest’ultimo caso è disponibile a valutare un’indagine a campione su Comuni del territorio nazionale. 
Ci risentiremo a breve per definire un percorso.