"...e tu slegalo subito" e "87 Ore" a Lecco - E Tu Slegalo Subito
1687
post-template-default,single,single-post,postid-1687,single-format-standard,cookies-not-set,do-etfw,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

“…e tu slegalo subito” e “87 Ore” a Lecco

Lecconews, 26 aprile 2016

Verrà presentata domani, mercoledì 27 aprile, la nuova campagna nazionale contro la contenzione, dal titolo “…e tu slegalo subito!”, da parte del Forum Salute Mentale di Lecco. L’incontro è previsto alle 20.30 in Sala Ticozzi, a Lecco.

La serata si aprirà con la proiezione del film “87 ore” che racconta gli ultimi giorni di Francesco Mastrogiovanni, morto il 4 agosto 2009, dopo 5 giorni di contenzione nel reparto psichiatrico dell’Ospedale di Vallo della Lucania. Seguirà l’intervento del magistrato Francesco Maisto, fra i promotori della campagna.

“La contenzione non solo impaurisce, ferisce, umilia chi la subisce, ma anche gli operatori sanitari (medici, infermieri) che, non più soggetti portatori di competenze, affettività, relazioni, sono ridotti a un ruolo di freddi custodi”, recita l’appello della campagna. “Bisogna liberare entrambi, abolendo le fasce. La rabbia, il dolore, l’impotenza, l’umiliazione che le persone legate devono vivere sono così profondi che a fatica riescono a raccontare. Nel nostro Paese, in gran parte dei servizi psichiatrici ospedalieri di diagnosi e cura, la contenzione è pratica diffusa, come denuncia il Comitato Nazionale per la Bioetica. Eppure ci sono luoghi in Italia dove è stata abbandonata, le porte sono aperte. Luoghi dove sono evidenti pratiche e organizzazioni dei servizi rispettosi della persona, della dignità e dei diritti di tutti, utenti e operatori”.