E tu slegalo subito. Convegno Cgil a Lecco sulla contenzione nelle case di riposo - E Tu Slegalo Subito
1759
post-template-default,single,single-post,postid-1759,single-format-standard,do-etfw,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

E tu slegalo subito. Convegno Cgil a Lecco sulla contenzione nelle case di riposo

5 febbraio 2016

Lecco ore 10 – 14

Convegno Cgil, Spi Cgil

La contenzione nelle case di riposo si può eliminare. A Trieste, ad esempio, ci sono riusciti. È stata Livia Bicego, dirigente infermieristica dell’Azienda sanitaria triestina, a dirlo al convegno “La contenzione degli ospiti delle case di riposo”, promosso da Camera del Lavoro e Spi Cgil di Lecco nell’ambito della campagna “E tu slegalo subito” del Forum salute mentale. A Lecco, a differenza di quanto avviene nel capoluogo friulano, il 50% dei pazienti delle rsa ha subito la contenzione. Il dato si può estendere a tutta la Lombardia. “Come Fp Cgil sosteniamo l’abolizione della contenzione e abbiamo delle proposte – dice Catello Tramparulo, segretario della categoria, intervenuto oggi al convegno -. Primo, vanno rivisti i sistemi di organizzazione del lavoro anche attraverso la contrattazione di II livello, quasi inesistente nelle rsa; secondo, nella stesura dei programmi individuali di assistenza bisogna coinvolgere tutte le figure professionali, così da trovare insieme delle alternative alla contenzione; terzo, serve più formazione specifica. Oggi l’unica prevista è quella obbligatoria sulla sicurezza; quarto, urgono assunzioni. Più personale assiste meglio i pazienti”. (Angela Amarante)